Agricoltura

Agricoltura Biologica

L'agricoltura biologica è un tipo di agricoltura che ha due obbiettivi strettamente connessi: salvaguardare la salute della Terra, e nello stesso tempo quella dei suoi abitanti, che dei prodotti agricoli si nutrono. La salute della Terra (T maiuscola) dipende dalla salute della terra (t minuscola). Compromessa dagli ormai tristemente noti gas-serra. Le industrie, le automobili, gli impianti di riscaldamento e di condizionamento sono considerati i maggiori responsabili delle emissioni di C02 che stanno provocando l'aumento della temperatura globale. Ma non va taciuto che il ciclo completo dell'agricoltura incide per il 30% sul riscaldamento del pianeta. Le sostanze chimiche usate nell'agricoltura tradizionale: concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi provocano la perdita di sostanza organica da parte del terreno. La sostanza organica trattiene il carbonio: quando questa diminuisce, il carbonio non più imprigionato si libera nell'aria, dove si combina con l'ossigeno. Dando vita al biossido di carbonio: la famigerata e pericolosissima Anidride Carbonica. Il protocollo di Kyoto ci impone di ridurre le emissioni di CO2 del 6,5 nei quattro anni cominciati il gennaio scorso. Pena una multa stratosferica. Un contatore posto sul sito di Kyoto mostra che il debito dell'Italia cresce di 47 euro al secondo. Più di 4 milioni di euro al giorno. Uno dei sistemi per ridurre le emissioni (e le conseguenti penalizzazioni) è dare più spazio (alla lettera: dare campo) all'agricoltura biologica, che non fa uso di prodotti chimici: la terra viene concimata con i soli fertilizzanti organici, cioè col letame.